LA CENA DI CLASSE          [Quivedo Stories #3]

Qualche giorno prima Giulio, storico compagno delle superiori, l’aveva contattata su Facebook per informarla che a breve sarebbe stata organizzata una cena di classe della mitica 5 AT e che lui si occupava delle varie adesioni.

-          Dopo faremo anche una chat su Whatsapp per organizzarci, dai vieni! –

Ovviamente gli aveva dato l’ok riservandosi poi in un secondo momento la decisione di partecipare o meno. In realtà detestava le rimpatriate, le trovava tristi, in fondo non si erano più visti da 10 anni e a parte qualche incontro casuale in supermercati o piazze si erano completamente persi di vista.

La curiosità però aveva subito preso il sopravvento, sapere che fine avessero fatto alcuni di loro, in particolare il Togni che era stata una sua grande passione nascosta gli impediva di lasciar cadere la cosa.

Formata la chat da parte di Giulio, era subito andata a sbirciare le foto dei vari profili per vedere quanto erano cambiati nel frattempo. Su alcuni profili troneggiava l’immancabile gatto, alcuni non avevano messo nemmeno la foto, altri invece erano facilmente riconoscibili a parte qualche chilo in più o in meno, solo uno non riusciva proprio a capire chi fosse.

Indossava degli occhiali da sole Ray-Ban modello Wayfarer Ease che aveva subito riconosciuto perché li aveva anche suo fratello, la foto non presentava nessun altro dettaglio e la curiosità di capire chi fosse la intrigava.

Nei giorni seguenti c’erano state diverse proposte sul luogo e sul posto, più o meno tutti erano intervenuti per decidere insieme il tutto, tutti tranne il profilo occhiali da sole Ray-Ban che non aveva dimostrato alcuna partecipazione. Poteva facilmente scoprire l’identità misteriosa chiedendo direttamente a Giulio in privato, ma preferiva lasciare le cose cosi e scoprirla direttamente il giorno della cena.

Dopo alcune trattative si era deciso il giorno e il locale, solo un paio di persone non riuscivano ad esserci tutti gli altri avevano aderito, il profilo occhiali da sole Ray-Ban non si era pronunciato.

La sera della cena si era preparata in largo anticipo, ricoprendo il letto di vestiti scartati, alla fine si era infilata un paio di jeans e la solita maglietta semplice e anonima, per cercare di evitare il più possibile etichette e segni distintivi. Stava per uscire quando suo fratello era appena rientrato a casa indossando gli immancabili occhiali da sole Ray-Ban Wayfarer Ease.

-          Scusa me li presti per stasera? –

Senza quasi attendere risposta gli aveva sfilato gli occhiali da sole indossandoli.

Il traffico era intenso a quell’ora e aveva dovuto optare per diverse stradine alternative prima di trovare un parcheggio libero. Siccome si era deciso di fare un aperitivo-cena l’orario gli permetteva di presentarsi con gli occhiali da sole senza sembrare un’eccentrica.

Era in ritardo, mentre aumentava il passo per paura di arrivare quando tutti erano già al tavolo, aveva urtato un ragazzino con un gelato in mano e una bella chiazza di cioccolato si era espansa sulla sua maglietta bianca. Mancava pochissimo all’arrivo ma non poteva presentarsi in quello stato, con una chiazza di gelato, quindi stava girando i tacchi e tornando indietro quando aveva visto arrivare nella stessa direzione lui, Il Togni. Identico a come lo ricordava, le aveva subito sfoderato uno dei suoi sorrisi che all’epoca delle superiori tutte aspettavano

-          Buonasera signorina Nanni –

Per qualche secondo era rimasta immobile lì, indecisa se c’era ancora un’ultima possibilità di fuga, ma quando lui l’aveva raggiunta si era dimenticata tutto

-          Belli i tuoi occhiali da sole Ray-Ban, sono gli stessi che ho nel mio profilo di Whatsapp! –

Quindi era lui il misterioso ragazzo, le sembrava assurdo non averlo riconosciuto, forse per colpa dei capelli adesso rasati rispetto alla chioma avuta in passato.

L’aveva presa sotto braccio e insieme erano arrivati al tavolo dove tutti gli altri li avevano guardati con sospetto. Il Giulio si era subito alzato e aveva detto tuonante

-          L’ho sempre detto io che voi avreste fatto una grande coppia!  -

Avevano sorriso imbarazzati e mentre rimetteva i Ray-Ban dentro la borsetta aveva pensato che avrebbe chiesto a suo fratello di acquistare sullo shop on line Quivedo lo stesso modello e al prossimo cambio profilo li avrebbe indossati! ;-)

                                                                                                                                                                       

Ti è piaciuto questo racconto?
Non perderti i prossimi appuntamenti, a breve nuove puntate di Quivedo Stories... intanto solo per te che ami leggere ti dedichiamo un codice speciale da utilizzare per l'acquisto di un paio di occhiali da sole: QS5; un buono sconto di 5 euro immediato!